Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo
images/salvaconi.jpg

Approvato il decreto Salva CONI

Approvato, nel corso del consiglio dei ministri in corso il 26 gennaio 2021, il decreto Salva CONI per scongiurare la sospensione da parte del CIO.

Si tratta di un provvedimento d’urgenza che punta a ristabilire l'autonomia del movimento sportivo italiano dall’autorità di governo al fine di salvaguardare l’autonomia dell’ordinamento sportivo nazionale quale articolazione del movimento sportivo internazionale. Domani, la conferenza stampa ufficiale del CIO in cui interverrà il Presidente, Thomas Bach.


Conclusa la conferenza stampa del Comitato Olimpico internazionale pronto, in caso di non approvazione del decreto legge, a presentare un documento di sospensione del CONI: un atto che avrebbe impedito all’Italia e agli atleti azzurri di gareggiare alle Olimpiadi di Tokyo al via il 23 luglio prossimo sotto la bandiera del nostro paese. 

Le parole del Presidente del CIO, Thomas Bach: “Siamo stati informati dell’approvazione del decreto legge da parte del Consiglio dei Ministri del Governo italiano che di fatto rende autonomo il CONI, una notizia che mi rende felice ed entusiasta per l’esito positivo della vicenda."

Intervistato al termine della conferenza da un giornalista del Corriere della Sera il Presidente Bach ha dichiarato: "In caso di mancato accordo entro la giornata di ieri avremmo dovuto procedere con la sospensione. I valori olimpici nascono da un principio di equità al quale tutti devono attenersi, nessuno eslcuso. Tutti voi conoscete il mio apprezzamento per l’Italia e lo sport italiano e come già detto in precedenza non posso che essere felice dell’accordo raggiunto dalle istituzioni italiane a sostegno degli atleti del loro Paese”.