Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo
images/photo6008053764545687738.jpg

Fenomeno Dell'Aquila! Strappa il pass Olimpico vincendo il Grand Prix Final!

È fatta! Siamo a Tokyo 2020!

Ci abbiamo creduto e ci siamo riusciti ! In questi ultimi 2 anni Vito è stato superlativo a scalare il ranking mondiale. La sua felicità è l’espressione più bella per festeggiare questo successo straordinario! Orgoglioso di tutti voi per aver sostenuto fino in fondo la Squadra Italiana al raggiungimento di questo successo. Un compito tutt’altro che facile. Grazie a tutti ! Non c'è bisogno di aggiungere altro.

Il Presidente, Angelo Cito


L'ultimo Grand Prix di questo quadriennio Olimpico si è concluso alla grande: ORO e Qualificazione diretta alle Olimpiadi! L’evento riservato ai sedici migliori atleti del ranking WT suddivisi nelle otto categorie olimpiche (quattro femminili e quattro maschili) era una tappa fondamentale, nonché l’ultima, sulla strada dei Giochi di Tokyo 2020. Il Grand Prix Final che si è svolto a Mosca dal 6 al 7 dicembre, infatti, era un G8 e assegnava di conseguenza il doppio dei punti ranking rispetto a un normale GP.

Per l’Italia, la scalata del ranking e il conseguente compito di trasformare il sogno olimpico in realtà era affidato a Vito Dell’Aquila in gara nella categoria -58 kg. Al diciannovenne azzurro bastavano pochissimi punti per confermare la missione qualificazione, ma non si è accontentato regalando a tutti un Grand Prix indimenticabile salendo sul gradino più alto del podio e confermandosi tra gli atleti più forti al mondo in questa categoria. Vito ha vinto al primo incontro con il brasiliano Paulo Melo (BRA) per 23-7 e ai quarti di finale vince contro il tunisino Hedi Neffatti per 12-8. In semifinale ha superato il russo Georgy Popov 15-4 e in finale il capolavoro: conquista l'oro battendo per 21-18 Jun Jang, numero 1 del ranking mondiale e olimpico.