Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo
images/130259327-aa602bd8-966d-495d-8f9e-5f4ec940762c.jpg

Rio 2016: I rifugiati possono partecipare alle Olimpiadi.

Il Presidente del CIO, Thomas Bach, ha dichiarato che gli atleti "rifugiati" potranno partecipare alle Qualificazioni Olimpiche Continentali.

L'Europa quest'anno ha ricevuto più di 1 milione di profughi, stando ai dati dell'Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM) e dell'ONU, un record che non si registrava dai tempi della seconda guerra mondiale.

Grecia, Italia, Spagna e Cipro, sono stati i principali paesi di accoglienza in Europa, mentre i rifugiati provengono principalmente da Siria, Afghanistan e Iraq.

Gli atleti di Taekwondo rifugiati in un paese europeo, potranno partecipare alle qualificazioni olimpiche europee che si terranno a Istanbul, in Turchia dal 16 al 17 gennaio 2016.

Saranno ufficialmente senza nazionalità e parteciperanno con la bandiera della WTF.