Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo
Torna al wall atleti
Erica Nicoli

Condividi

Stampa
Erica Nicoli

Data di nascita: 02/02/1995

Luogo di nascita: Schio VI

Categoria di Peso: -57 kg

Classe Senior

Curiosità

1. A quanti anni hai iniziato a fare Taekwondo?

Ho iniziato a praticare Taekwondo all’età di sette anni. Intrapresi questo percorso dopo aver provato a cimentarmi in una squadra di calcio del mio Paese, ma capii subito che non era la mia strada. Non avevo idea di quale sport potesse fare per me, così mia madre un pomeriggio di settembre decise di farmi provare questo sport. A posteriori mi spiego la sua scelta… Dato che da bambina ero molto vivace pensò di farmi fare arti marziali in modo che mi trasmettessero disciplina, autocontrollo e mi aiutassero con la concentrazione. Fu amore a prima vista, ero affascinata da come il maestro ci faceva approcciare a questa sport. Crescendo mi innamorai di tutti i valori che riusciva a trasmettermi, il rispetto verso l’avversario, la disciplina, ma soprattutto mi aiutava a scaricarmi. Iniziai la mia carriera presso la palestra del Maestro Alessandro Vaccari a Schio, il mio paese natale.

2. Qual è stata la tua prima competizione?

La mia prima competizione fu in Austria all’età di soli 10 anni. Ero emozionatissima ma pensavo solo ad una cosa: divertirmi. Quella trasferta fu una delle più belle che feci, eravamo una squadra grandissima ed eravamo tutti molto affiatati. Io riuscii a vincere la finale e mi ricordo ancora che corsi subito dal maestro per abbracciarlo. Fu un’emozione indescrivibile.

3. Che obiettivi hai in questo sport?

I miei obiettivi sono andare alle Olimpiadi ed affermarmi in campo internazionale.

4. Qual è il tuo ricordo più bello? E quello più brutto?

Sinceramente non ho un ricordo più bello o più brutto perché amo quello che faccio e ogni esperienza la considero costruttiva. Il ricordo più significativo forse è quando vinsi il mio primo Open in Svizzera nella categoria -49kg. Un ricordo bello, ma anche brutto fu quando partecipai alla qualifica olimpica e per un soffio non riuscii a qualificarmi. Un brutto ricordo della mia carriera sicuramente sono stati i vari infortuni. Prima la rottura dell’omero sinistro e poi l’operazione all’anca sinistra ed il lungo e travagliato recupero.

VITA PRIVATA: chi eri, chi sei e cosa vorresti diventare

Sono Erica Nicoli, classe 1995, nata a Schio in provincia di Vicenza. Iniziai a praticare Taekwondo nel 2002 ed ad oggi sono 17 anni che lo pratico.  Da piccola sognavo di diventare medico chirurgo, ma nel corso degli anni sognavo solo di diventare campionessa olimpica.

Nel 2008 partecipai e vinsi il mio primo Campionato Italiani cadetti e da lì iniziò la mia vera e propria carriera agonistica. Tre anni dopo ebbi un piccolo crollo, tant’è che interruppi il mio percorso per quasi un anno, ma poi tornai in palestra perché ne sentivo la mancanza.

Nel 2011 presi parte al mio primo campionato Europeo Juniores ottenendo un secondo posto nella categoria -55kg. Successivamente a questa conquista mi si aprirono definitivamente le porte della Nazionale, portandomi a vincere nel 2014 il titolo Italiano Senior nella categoria -49 kg. Questa categoria era molto difficile da mantenere per me perché richiedeva molti sacrifici ed una dieta molto ferrea. Il 2015 fu un anno molto prospero, in cui salii sul podio di diverse gare internazionali ed in cui vinsi il mio primo Open (in Svizzera). Mi impegnai molto per riuscire a raggiungere i miei sogni, difatti a dicembre di quell’anno venni selezionata per partecipare alla qualifica continentale per le Olimpiadi di Rio de Janeiro. Ero emozionatissima all’idea di poter staccare un biglietto per le Olimpiadi. Sempre a dicembre entrai nel gruppo sportivo dei Carabinieri che diventò da subito la mia nuova famiglia. 

A gennaio gareggiai nella qualificazione ma purtroppo dopo aver vinto due incontri persi il terzo che mi avrebbe permesso di accedere alla finale e quindi ad un posto per Rio. Ci rimasi molto male perché arrivai terza ma soltanto le prime due atlete avevano accesso alla competizione. Dopo alcuni mesi l’atleta con cui persi diventò Vice Campionessa Olimpica e l’altra atleta europea terza. 

Dopo questa gara iniziò il periodo negativo. Esattamente una settimana prima degli Europei 2016 mi ruppi il braccio destro e mi obbligò a stare ferma per alcuni mesi, ma non mi persi mai d’animo. A settembre tornai subito a gareggiare ed in tre mesi riconquistai tre podi internazionali. Purtroppo la mia sfortuna non finì qui. Da mesi lamentavo un dolore intenso all’anca e dopo vari controlli mi trovarono un conflitto femore acetabolare e mancanza di cartilagine nell’acetabolo. Vidi la mia carriera finita. I miei genitori mi furono sempre accanto e cercarono un valido dottore che potesse operarmi. Non fu un compito facile perché le patologie come la mia non sono molto diffuse. Nel febbraio 2017 questo dottore mi chiamò e quello stesso giorno mi fecero ricoverare all’ospedale di Cittadella. Ad oggi posso affermare che questo dottore mi ha ridato il sorriso e lo ringrazio ogni singolo giorno perché mi ha permesso di tornare a fare quello che amo. Il post operatorio fu molto difficile ma grazie all’appoggio della famiglia e dei Carabinieri recuperai in fretta, tanto in fretta da essere selezionata per il Mondiale di giugno in Corea. La gara non andò bene anche a causa del troppo breve tempo di recupero. L’anca non era ancora stabile, lontana da casa e dal mio staff alcuni piccoli problemi si aggravarono. Per quasi due anni non riuscii ad andare oltre il terzo incontro alle gare. Solamente a ottobre 2018 risalii sul podio vincendo il Campionato Italiano Senior nella categoria -53 kg e dopo alcune settimane arrivai seconda al Paris Open e terza al Mondiale Militare.

Ripensando alla mia carriera posso dire di essere abbastanza soddisfatta. La fortuna in alcuni momenti non è stata dalla mia parte ma sicuramente ogni passaggio della mia vita mi ha aiutata a diventare la donna che sono oggi. Devo tantissimo alla mia famiglia perché nei momenti difficili non mi hanno mai lasciata da sola, mi hanno sempre supportata in ogni mia scelta. Sono sicura che per loro non sia stato facile, dato che sono andata a vivere lontano già da molto piccola e mi vedevano pochissime volte l’anno perché mi dovevo allenare e avevo gare. Sono convinta che loro siano stata la mia forza.

Attualmente devo molto anche al mio ragazzo che nell’ultimo anno mi è stato vicino anche a livello sportivo (pratica anche lui Taekwondo), aiutandomi sia negli allenamenti che nella dieta. In lui ho trovato una persona che sa capirmi al volo, sa cosa vuol dire essere atleta e tutti i sacrifici che comporta. Un giorno vorrei aprire una palestra con lui e continuare a trasmettere la nostra passione.

Per il mio futuro non ho molti progetti, perché vedo che ogni giorno succedono cose nuove perciò non voglio prefissarmi nulla. Sicuramente mi impegnerò al massimo per ottenere quello che voglio.

5. Percorso di studi e/o lavoro

Ho frequentato il liceo scientifico N. Tron a Schio e subito dopo la maturità mi sono trasferita a Roma per inseguire i miei sogni. Avevo iniziato a studiare Chimica e Tecnologie Farmaceutiche presso la Sapienza di Roma ma a causa delle lunghe sedute di allenamenti ho dovuto abbandonarla dopo un solo semestre poiché non riuscivo a frequentare le lezioni a causa degli allenamenti. Ad oggi sto svolgendo il mio percorso di studi presso un’università telematica e spero di riuscire a laurearmi a breve in Scienze Motorie. Con grande orgoglio mio e della mia famiglia nel 2016 sono entrata a far parte nel Gruppo Sportivo dell’Arma dei Carabinieri. Per me questa è stata una grande opportunità perché ho un posto di lavoro ma soprattutto perché ho trovato delle persone fantastiche che ora chiamo famiglia.

6. Quali sono i tuoi hobby

Quando ero a casa riuscivo a coltivare un po’ di più le mie passioni. Amo arrampicare, andare sullo snowboard, leggere, correre, uscire con le amiche, fare shopping, vedere film, ascoltare la musica. Amo stare con il mio ragazzo e quando capita vederci gli incontri di Taekwondo insieme. 

7. Che obiettivi hai nella vita

Ogni giorno cerco di pormi piccoli obiettivi da raggiungere, ma soprattutto nella vita voglio essere felice. Vorrei affermarmi come atleta e vincere le Olimpiadi. Voglio continuare a divertirmi facendo questo sport. Vorrei laurearmi e vorrei aprirmi una palestra con il mio ragazzo. Vorrei continuare a fare quello che mi piace anche lavorativamente parlando. Voglio creare una bella famiglia unita e vedere i miei figli crescere.

8. Vuoi aggiungere qualcosa di particolarmente importante e significativo che parla di te

Nella mia carriera sportiva posso dire di averne passate tante. Ho avuto la fortuna di aver visto quasi tutte le sfaccettature di questo sport, gli allenamenti intensi, i sacrifici per raggiungere un obbiettivo, le diete, la vita lontana dalla famiglia, gli infortuni, le bocciature, le gioie delle vittorie, le amicizie create negli anni nella squadra, aver imparato a vivere sempre con altre persone che magari non conosci. Tutto questo è stata la mia vita negli ultimi anni. Sicuramente non è stato facile ma posso dire che ho sempre fatto quello che amavo e per questo rifarei tutto dall’inizio alla fine.

Palmares

Qualificazioni olimpiche

2016 - Qualificazioni Europee ai Giochi Olimpici: BRONZO Senior -49kg

Campionati Europei

2018 - Campionati Mondiali Militari: BRONZO -53kg

2014 - Campionati Europei Juniores: BRONZO -53kg

2011 - Campionati Mondiali Juniores: ARGENTO -55kg

Campionati Italiani

2019 - Campionati Italiani a Categorie Olimpiche: ORO -57kg

2018 - Campionati Italiani Senior: ORO -53kg

2016 - Campionati Italiani a Categorie Olimpiche: ORO -49kg

2014 - Campionati Italiani Senior: ORO -49kg

2013 - Campionati Italiani Senior: ARGENTO -57kg

2013 - Campionati Italiani Under 21: ORO -57kg

2012 - Campionati Italiani Juniores: ORO -55kg

2011 - Campionati Italiani Juniores: ORO -55kg

2010 - Campionati Italiani Juniores: BRONZO -52kg

2009 - Campionati Italiani Cadetti: ORO -51kg

Altri risultati

2018 - French Open: ARGENTO Senior -53kg

2016 - Serbia Open: BRONZO Senior -49kg

2016 - Riga Open: ARGENTO Senior -49kg

2016 - Russian Open: BRONZO Senior -49kg

2016 - Ukraine Open: BRONZO Senior -49kg

2015 - Serbia Open: ARGENTO Senior -49kg

2015 - Swiss Open: ORO Senior -49kg

2015 - Greece Open: BRONZO Senior -49kg