Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo
images/fase_2.jpg

Emergenza Covid 19 - Fase 2: Protocollo FITA per lo svolgimento dell'Attività sportiva di Taekwondo e del ParaTaekwondo in sicurezza

Categoria: Fita

La Federazione Italiana Taekwondo, allo stato attuale, considerato il DPCM del 17 maggio 2020, nonché le linee guida emanate per l'attività sportiva di base e l'attività motoria in genere (scarica) dalla Presidenza del consiglio dei Ministri – Ufficio per lo Sport – prende atto della possibilità, per gli atleti di Taekwondo e ParaTaekwondo di svolgere delle sessioni di allenamento rispettando e seguendo protocollo:

doc2020“LINEE GUIDA PER LO SVOLGIMENTO DELL’ATTIVITA’ SPORTIVA DEL TAEKWONDO IN SICUREZZA DURANTE LA FASE 2 DI EMERGENZA COVID-19”

Si evidenzia come la graduale ripresa delle attività sportive si dovrà svolgere garantendo le prioritarie esigenze di tutela della salute e della sicurezza, consentendo le sessioni di allenamento degli Atleti nel pieno rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza alcun assembramento.

Le responsabilità delle attività sportive, anche all’interno delle proprie società sportive affiliate, resteranno comunque in capo ai diretti interessati.

Aggiornamento (20 maggio 2020):

"Le mascherine facciali presentano un importante limite dato dalla loro “respirabilità” cioè dalla caduta di pressione del flusso d’aria attraverso il materiale. Tale caduta di pressione, ampiamente tollerabile da persone a consumo metabolico “di riposo” o di blanda attività fisica, può dimostrarsi troppo alta invece per persone in una fase di alto consumo metabolico, quali gli atleti impegnati in un allenamento o gara. La protezione fornita dalla mascherina, dunque, causa in questi casi un aumento di altri rischi, primo tra tutti il rischio di grave affaticamento.
Di conseguenza, le mascherine dovrebbero essere sempre consigliate a tutte le persone, sia atleti che operatori sportivi, in fase di consumo metabolico “di riposo” o di blanda attività fisica, mentre sono sconsigliate in caso di medio e alto consumo metabolico e dovrebbero essere sostituite da altre misure di mitigazione, per esempio; visiere, distanziamento, ecc."